Chiesa Madonna della Provvidenza

La chiesa è ubicata in corso Umberto I. È in stile neoclassico con capitelli
e colonne in stile corinzio. All'interno si può ammirare il quadro
originale della Madonna della Provvidenza che fu trovato in Feudo
Dammusi, il 21 luglio 1784. Da questa data ha inizio la devozione popolare per
la Santa Protettrice del paese.


All'interno della Chiesa, si trovano diversi altari: uno dedicato a San Giovanni Bosco, un altro a Maria Ausiliatrice, un altro ancora alla Madonna di Pompei. L'altare centrale, marmoreo, è dominato dal quadro originale della Madonna della Provvidenza; esso è in ardesia con ornamenti in argento applicati posteriormente al suo ritrovamento. Ai lati dell'altare
principale vi sono due tele che ricordano il ritrovamento del quadro, esse sono opere dell'artista Matteo Terzo.

 

La copertura è a volta e si estende per tutta la navata; il pavimento è in marmo policromo. In sacrestia è presente un Cristo in legno di autore e di epoca ignoti ed una copia in legno del quadro della Madonna della Provvidenza.
All'esterno della Chiesa è stata aggiunta una bordura frontale in prossimità della Croce. I mattoni tipo cotto, posti nella parte inferiore delle lesene, sono stati sostituiti da blocchi di marmo. Il portone, in ferro battuto con decorazioni floreali, richiama lo stile baronale siciliano.